Federazione Speleologica Regionale dell'Emilia Romagna

Posts tagged “speleologia emiliana

Speleologia Emiliana n° 4 – 2013

Speleologia Emiliana n° 4 - 2013Ancora una volta, nonostante le ristrettezze economiche determinate dagli inevitabili tagli dei contributi della Regione, si è stati in grado di realizzare il presente numero di Speleologia Emiliana e di finire i molti progetti in essere, nonché di attivarne altri. Questo è stato possibile grazie ai consolidati e positivi rapporti con i parchi carsici (Parco regionale dei Gessi Bolognesi e Calanchi dell’Abbadessa e Parco regionale della Vena del Gesso Romagnola) e con il Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli della Regione Emilia-Romagna, che hanno permesso di dare continuità alle iniziative della FSRER.
É ormai terminato il “Progetto Gypsum LIFE – Natura e Biodiversità”, finalizzato a interventi di pulizia e riqualificazione di doline, inghiottitoi e grotte, e all’installazione di cancelli allo scopo di tutelare le colonie di chirotteri, che le frequentano. La Federazione vi ha partecipato attivamente sin dalle fasi iniziali di progettazione e stesura, dopodiché è stato portato a termine dai singoli Gruppi. Continua, inoltre, il capillare monitoraggio delle acque carsiche regionali in collaborazione con l’Università di Bologna. Sempre nell’ambito del progetto LIFE si stanno individuando altri interventi da fare, utilizzando le risorse economiche residue.
Nel frattempo è stato avviato, con il Parco della Vena del Gesso Romagnola e con la Banca del Germoplasma della Tuscia dell’Università di Viterbo, un progetto che prevede la riproduzione e la reintroduzione di Asplenium Sagittatum all’interno del Parco. Si tratta di una felce rara in Italia e presente nella Vena del Gesso Romagnola solo all’ingresso della Grotta del Re Tiberio (ER-RA 36), ma ormai estinta da oltre sessanta anni a causa della raccolta indiscriminata e della distruzione del suo habitat da parte della cava. L’obiettivo del progetto sarà riprodurre le piante in laboratorio, tramite le spore prelevate da felci conservate presso gli erbari, per poi reintrodurle in ambiente cioè, in sostanza, agli ingressi delle grotte. Si inquadra nel più vasto progetto dell’Assemblea delle Nazioni Unite del 2010 “Anno Internazionale della Biodiversità” e della “Strategia Nazionale per la Biodiversità 2011-2020” adottata dall’Italia. È un programma di lavoro che, se realizzato, vedrà impegnata la FSRER per alcuni anni a testimonianza, ancora una volta, della sua attenzione alla biodiversità e, in particolare, a quella in ambiente carsico. (altro…)


Speleologia Emiliana n° 3 – 2012

Speleologia Emiliana n° 3 - 2012Un anno è trascorso dalla precedente pubblicazione della nuova serie di “Speleologia Emiliana”, un anno in cui la Federazione e i Gruppi che la compongono hanno sviluppato un’intensa attività.
Anche se può sembrare scontato, è importante ricordare che l’attività è stata incentrata sullo studio, la divulgazione e la tutela delle aree carsiche regionali; sul contributo di merito alla stesura delle nuove norme regionali riguardanti i Parchi e sul futuro della Federazione rinnovandone lo statuto.
I consolidati e positivi rapporti con i Parchi carsici (Parco regionale dei Gessi Bolognesi e Calanchi dell’Abbadessa e Parco regionale della Vena del Gesso Romagnola) e con il Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli della Regione Emilia-Romagna, hanno permesso di dare continuità alle iniziative federali.
Si è partecipato ufficialmente, per la prima volta, a un evento scientifico internazionale: il 7° Euregeo “European Congress on Regional Geoscientific Cartography and Information Systems” (“Congresso Europeo sulla Cartografia e i Sistemi Informativi Geologici”), organizzato dal Servizio Geologico e Sismico della Regione Emilia-Romagna.
Il progetto “Gypsum LIFE- Riqualificazione delle Cavità Carsiche”, avviato con i Parchi regionali in ambito europeo, è alle battute finali. Nel Parco della Vena del Gesso Romagnola, dove da oltre un anno cinque Gruppi sono impegnati in interventi di riqualificazione e disostruzione di complessivi venti siti tra doline, inghiottitoi e grotte, dopo oltre 450 ore di lavoro volontario ha portato alla rimozione di circa 60 q di rifiuti cui vanno aggiunti altri 400 q di sfridi industriali di pelle per scarpe. I lavori sono attualmente terminati: resta solo da rimuovere la rete metallica di recinzione del Parco del Carnè e da chiudere le cinque grotte individuate con il Parco. (altro…)


Speleologia Emiliana n° 2 – 2011

Speleologia Emiliana n° 2 - 2011L’uscita del secondo numero della nuova serie di “Speleologia Emiliana” ci dà spazio per riflettere sull’attività della nostra Federazione in quest’ultimo anno.
Purtroppo la scomparsa di Antonio Rossi, fondatore della nostra Federazione, assieme a Mario Bertolani, ci priva di un punto di riferimento che per decenni ha animato la vita della comunità speleologica regionale.
Grazie all’impegno ed agli indirizzi proposti da Antonio Rossi, la FSRER è riuscita a concretizzare nel tempo, molti ed ambiziosi obiettivi, volti all’esplorazione, allo studio, alla divulgazione ed alla salvaguardia delle aree carsiche regionali.
I rapporti con i Parchi carsici (Parco regionale dei Gessi bolognesi e Calanchi dell’Abbadessa e Parco regionale della Vena del Gesso romagnola) e con il Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli della Regione Emilia-Romagna sono stretti e proficui. (altro…)


Speleologia Emiliana n° 1 – 2010

Copertina Speleologia Emiliana 1 - 2010Con questo numero riprende la pubblicazione di “Speleologia Emiliana”, Rivista della Federazione Speleologica Regionale dell’Emilia-Romagna sospesa con il n.14/15, IV Serie, del 2003/2004.
Come per il passato, le sue pagine sono a disposizione dei nostri Speleologi che desiderano esporre i risultati delle loro attività, condotte in regione o al di fuori di essa, affinché resti nel tempo la documentazione di quanto operato e nessun contributo recato alla ricerca speleologica corra il rischio di andare disperso o essere dimenticato. Al di là di questo intento la FSRER, che in questi ultimi anni si è severamente impegnata nella pubblicazione di alcune importanti monografie, non nutre alcun altro e più ambizioso proposito.
Ai Gruppi che non hanno un proprio organo di stampa ed ai loro Speleologi che vogliono anticipare i risultati degli studi che -una volta completati- potranno comparire sulla nostra prestigiosa Rivista Nazionale “Speleologia”, della Società Speleologica Italiana o altrove, viene nuovamente offerta questa possibilità: una risorsa di cui dovranno giovarsi. (altro…)